Il Premio al Rischio vale la candela ??

 

Uno degli indicatori su cui si basa la nostra strategia CLI STRATEGY è il Premio al Rischio (clicca qui per la spiegazione).

La condizione per l’investimento azionario è che rendimento atteso sia superiore a quello offerto dall’investimento free risk e per verificarlo prenderemo in esame le seguenti due variabili:

–          gli utili attesi sulle aziende che compongo l’indice S&P500
–          il rendimento dei titoli di stato americani a 10 anni

Per rendere facile la lettura abbiamo trasformato il tutto in un grafico convertendo il differenziale tra utili attesi sul mercato azionario americano e del titolo di stato a 10 anni americano in punti dell’indice dell’ S&P500 e che abbiamo poi sottratto all’indice stesso. In questo modo abbiamo ottenuto un indice azionario rettificato per il premio al rischio. Quando il valore di quest’ultimo è pari o superiore all’indice S&P500 significa che il premio al rischio è nullo (rendimento dell’investimento senza rischio pari o superiore al rendimento atteso sull’investimento azionario).

Nel grafico confrontiamo l’indice azionario americano (linea blu)  con il differenziale tra l’indice stesso e la ns versione rettificata (area rossa). E’ evidente che quanto il differenziale è positivo (soprattutto se sopra la sua media) l’indice è in rialzo, viceversa quando il differenziale è negativo.

L’area azzurra (che chiameremo Premio al rischio CLI) è il differenziale ricalcolato per tenere in considerazione altre due variabili (massa monetaria M2 e inflazione) e viene utilizzato per confermare il segnale.

premium risk 25 03 2014

Al momento il Premio al Rischio è positivo e quindi l’azionario risulta da preferire all’investimento free risk (titolo di stato a 10 anni). Tuttavia è da notare come l’indice Premio al Rischio CLI (area azzurra) sia sceso velocemente e si stia avvicinando allo zero. In passato situazioni analoghe hanno anticipato un ribasso del mercato. Consigliamo quindi di prestare molta attenzione nelle prossime settimane ed eventualmente se particolarmente esposti all’azionario (soprattutto americano) di ridurne il peso in portafoglio.

Ma il premio al rischio può essere utilizzato per impostare una strategia di investimento sul mercato azionario ?

Abbiamo simulato un semplice trading system basato sul Premio al rischio CLI che dia il segnale di acquisto dell’indice americano S&p500 qualora la sua media a 6 mesi sia superiore a 0 (zero) e viceversa un segnale di vendita quando negativa.

Il primo grafico rappresenta l’andamento dell’indicatore e della sua media a 6 mesi (linea rossa), mentre il secondo confronta l’andamento dell’indice S&P500 con l’andamento di un investimento sull’indice stesso seguendo i segnali del trading system.

premium risk 2.0   25 03 2014

trading system p.risk 2.0

Il sistema è volutamente semplificato (i valori sono al lordo della fiscalità e di eventuali costi di transazione), ma conferma che in una strategia di investimento di lungo termine tale indicatore può supportare le scelte di investimento indicando i periodi in cui al rischio dell’investimento azionario è associato un rendimento atteso positivo tale da giustificarlo. E spesso nei periodi in cui il Premio al Rischio è positivo il mercato azionario è in rialzo.

In attesa del prossimo aggiornamento auguriamo un buon investimento a tutti.

 

 

Registrati è gratis. Riceverai un avviso ogni volta che pubblicheremo un articolo e potrai accedere ai contenuti extra.


Il contenuto del sito non puo’ in nessun caso essere interpretato come consulenza, invito all'investimento, offerta o raccomandazione per l’acquisto, la vendita, l’esercizio di una transazione o in generale l’investimento. Tramite il sito non avviene alcuna sollecitazione al pubblico risparmio. Questo sito, tutti i suoi contenuti, inclusi i Portafogli e tutti i contenuti vanno considerati esclusivamente come analisi indipendente dei mercati, svolta attraverso metodologie che non forniscono alcuna garanzia di profitto. In nessun modo e per nessuna ragione l’utente di questo sito può’ o deve considerare le indicazioni di analisi come sollecitazione all'investimento.

Il contenuto di questo articolo esprime il pensiero dell' autore (che ringraziamo per la collaborazione) e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di RisparMIOamico, che rimane autonoma e indipendente. Vi invitiamo a prendere visione della sezione Informazioni Legali

Redazione RisparMIOamico

RisparMIOamico

Una comunità di consulenti la cui missione è di condividere metodologie che possano aiutare il risparmiatore a gestire il proprio denaro per raggiungere i propri obiettivi di vita. Ci trovi anche su Telegram https://t.me/canalerisparmioamico

Redazione RisparMIOamico
About Redazione RisparMIOamico 221 Articles
Una comunità di consulenti la cui missione è di condividere metodologie che possano aiutare il risparmiatore a gestire il proprio denaro per raggiungere i propri obiettivi di vita. Ci trovi anche su Telegram https://t.me/canalerisparmioamico

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.