Torna la Dashboard con l’analisi dei mercati e con alcune precisazioni.

A settembre l’Ocse ha ripreso la pubblicazione del suo indicatore anticipatore precedentemente sospeso al fine di verificare l’impatto della Brexit sul ciclo economico. Possiamo finalmente tornare ad aggiornare la nostra dashboard.
Prima è però necessaria una precisazione.

A seguito ad un’errata lettura emersa da alcuni commenti apparsi in rete abbiamo deciso di rivedere la struttura della tabella e spiegare come essa debba essere utilizzata.

Già da qualche mese avevamo ampliato le informazioni presenti nella tabella inserendo la colonna Forza ora ridenominata Score. Nella colonna in cui riportiamo il segnale relativo alla sola componente macroeconomica della nostra analisi avevamo affiancato un punteggio che, come spiegato al termine dei precedenti post e come riportato anche alla fine di questo che state leggendo, segnala se esiste una condizione potenzialmente profittevole per l’investimento sul mercato azionario. Esso è la sommatoria dei punteggi singolarmente assegnati agli indicatori da noi analizzati (macro, posizione ciclica di medio/lungo termine dei mercati, premio al rischio, leva finanziaria e stress del mercato leader). Un punteggio pari o superiore a 50 indica una situazione di risk off , quindi potenzialmente a favore dei mercati azionari, mentre valori inferiori situazioni di risk on in cui il rapporto rischio/rendimento non è favorevole.

Non si tratta di un sistema di trading, ma di un’indicazione di quanto sia solido o meno il trend in corso del ciclo economico e dei mercati finanziari.

Nel grafico seguente abbiamo colorato la linea di verde nei periodi con uno score pari o superiore a 50 ed in rosso in quelli con un valore inferiore.

E’ evidente che basando l’operatività sul segnale generato non si eviterebbero tutte le fasi di ribasso dei mercati e che si potrebbero perderne alcune di rialzo. Tuttavia è stato in grado di evidenziare situazioni potenzialmente devastanti come la crisi del 2007/2008 o poco interessanti come quella degli ultimi mesi. Lo scopo di tale analisi è quindi quella di mettere in evidenzia anomalie (positive o negative) tali da essere potenzialmente in grado di invertire il trend in atto.

score s&p500

 

 

Analizzando la dashboard aggiornata è possibile notare che, tranne che per la Germania, non vi sono stati cambiamenti significativi per quanto riguarda l’impostazione generale delle varie aree (misurata dallo Score).

Rimangono positivi i mercati emergenti e gli Stati Uniti, ma con un punteggio al ribasso per questi ultimi (passano da 90 a 60). Da segnalare che a fronte di uno Score superiore a 50 si è generato un segnale al ribasso delle componente macroeconomica. Ciò significa che in questo momento il mercato americano è sorretto principalmente dal momentum e poco dai fondamentali economici. Questa è una delle anomalie (in questo caso negativa) di cui scrivevamo sopra e che necessita di essere monitorata con attenzione nei prossimi mesi.

dashboard 08 09 2016

Non essendoci state variazioni significative anche i portafogli modello (che non considerano i paesi emergenti per esigenze di semplificazione) sono rimasti invariati (82% bond e 18% azionario Usa) come è possibile verificare scaricandoli ai seguenti link.

CLI EASY NO SHORT

CLI EASY BIG4 EURO (segnale Europa calcolato sui 4 paesi principali)

Buona lettura e buon investimento a tutti.

Metodologia

Ad ogni area geografica viene assegnata un punteggio (score) che va da 0 a 100 e che altro non è che la sommatoria dei punti assegnati ad ogni indicatore da noi monitorato:

  • 50 punti agli indicatori macro (Composite Leading Indicators + Premio al Rischio)
  • da 10 a 30 punti alla posizione ciclica del mercato azionario di riferimento. Viene considerata la posizione ciclica a lungo termine (trimestrale) al fine di individuare il trend di medio-lungo del mercato. Per rendere più significativo il segnale il punteggio è ora pesato in base alla forza del trend in atto.
  • 10 punti al segnale sulla leva finanziaria (Margin debt rettificato)
  • 10 punti all’indicatore sullo Stress dei mercati

Un punteggio pari o superiore a 50 indica una condizione potenzialmente profittevole per l’investimento azionario (economia in espansione e sentiment del mercato in miglioramento).

Le celle con un valore pari o superiore a 50 sono evidenziate in verde chiaro, mentre la barra verde scuro al suo interno ne indica la forza.

La colonna con evidenziata l’indicazione RIALZO o RIBASSO si riferisce solo al segnale macroeconomico. Una discrepanza tra segnale macro e score può indicare anomalie che devono essere monitorate.
Per es un segnale macro di RIBASSO accompagnato da uno score pari o maggiore di 50 significa che il mercato è sostenuto principalmente dalla posizione ciclica del mercato finanziario. Questo potrebbe preludere ad un’inversione al ribasso dei mercati qualora il segnale macroeconomico negativo seguisse un precedente segnale positivo o  viceversa qualora fosse parte di una lunga sequenza di segnali macro negativi uno score sopra 50 potrebbe indicare una svolta al rialzo dei mercati nel tentativo di anticipare notizie positive sul lato economico.

PS il valore di 50 utilizzato come spartiacque deriva dallo studio di quanto si è verificato in passato. Nulla vieta di considerare valori superiori (come per es 60) al fine di avere un segnale più solido e meno soggetto a falsi segnali. Il rovescio della medaglia sarebbe però quello di prendere atto della svolta positiva tardi o di quella negativa troppo in anticipo.

 

 


Il contenuto del sito non puo’ in nessun caso essere interpretato come consulenza, invito all'investimento, offerta o raccomandazione per l’acquisto, la vendita, l’esercizio di una transazione o in generale l’investimento. Tramite il sito non avviene alcuna sollecitazione al pubblico risparmio. Questo sito, tutti i suoi contenuti, inclusi i Portafogli e tutti i contenuti vanno considerati esclusivamente come analisi indipendente dei mercati, svolta attraverso metodologie che non forniscono alcuna garanzia di profitto. In nessun modo e per nessuna ragione l’utente di questo sito può’ o deve considerare le indicazioni di analisi come sollecitazione all'investimento.

Il contenuto di questo articolo esprime il pensiero dell' autore (che ringraziamo per la collaborazione) e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di RisparMIOamico, che rimane autonoma e indipendente. Vi invitiamo a prendere visione della sezione Informazioni Legali

Redazione RisparMIOamico

RisparMIOamico

Una comunità di consulenti la cui missione è di condividere metodologie che possano aiutare il risparmiatore a gestire il proprio denaro per raggiungere i propri obiettivi di vita. Ci trovi anche su Telegram https://t.me/canalerisparmioamico

Redazione RisparMIOamico
About Redazione RisparMIOamico 198 Articles
Una comunità di consulenti la cui missione è di condividere metodologie che possano aiutare il risparmiatore a gestire il proprio denaro per raggiungere i propri obiettivi di vita. Ci trovi anche su Telegram https://t.me/canalerisparmioamico

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.